23 gennaio 2013

ENEL: I CRIMINI E L'ARROGANZA.

E’ bastato un acquazzone per smascherare l’ennesimo crimine di Enel ai danni del nostro territorio e della nostra salute.
La vicenda dell’allagamento del nastro trasportatore della centrale Enel di Cerano e lo sversamento di acqua mista a carbone nel canale e nei terreni ( pratica assimilabile allo smaltimento illecito di rifiuti) è il perfetto paradigma dell’arroganza di Enel che crede, senza vergogna, di poter disporre di questo territorio come fosse una servitù.
Se da un lato, rinfranca sapere del tempestivo intervento della magistratura, del Noe e dell’Arpa per fermare questo ennesimo scempio, dall’altro esprimiamo la nostra preoccupazione per una pratica che con ogni probabilità è stata ripetuta più volte nel corso di questi anni atteso che il nastro non è esattamente un’opera recente e che quello di venerdì non è stato il primo nubifragio vissuto da questo territorio.
Desta perplessità l’atteggiamento dell’Arpa, che come ha dichiarato il direttore regionale Assennato, ha effettuato unicamente un sopralluogo senza procedere a campionamenti di alcun tipo: la competenza è dell’Ispra ma trattandosi di una vera e propria emergenza (come testimonia il blocco immediato delle idrovore da parte della magistratura) l’Arpa poteva e doveva procedere all'analisi delle acque reflue.
Respingiamo con forza il tentativo di Enel di spostare l’attenzione sul rischio del mancato approvviggionamento della centrale e sulle ripercussioni sui lavoratori, è un tentativo intollerabile di giustificare un’azione indegna che ci auguriamo non trovi sponde nella politica e nel sindacato: la tutela della salute è per la nostra Costituzione ”diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività” .
Vogliamo chiarezza su questa vicenda, in tempi rapidi: non è più tempo di silenzi e comportamenti omertosi, la magistratura sta compiendo il proprio dovere, la politica faccia altrettanto.

1 commento:



  1. Feel free to visit my homepage - homepage ()

    RispondiElimina